Rassegna stampa - La Nuova del Sud del 21/07/13

Rassegna stampa - La Nuova del Sud del 21/07/13

POLICORO - Per lavoratori ed investitori l’inchiesta del pm Luigi De Magistris che vide coinvolte le società del gruppo Marinagri è stato un “incubo” dal quale è stato possibile svegliarsi solo dopo la sentenza della Corte di appello di Catanzaro del 21 giugno scorso con la conferma dell’assoluzione piena e definitiva conclusione a seguito della rinunzia a presentare ricorso in Cassazione ma dopo il terremoto giudiziario sono rimaste le macerie.

“Sento di essere la principale vittima di De Magistris e della sua inchiesta, un vero e proprio delirio investigativo. Ricordo e prendo come riferimento un frase pronunciata dal giudice Falcone che ben si addice al nostro caso “la più grande virtù di un investigatore non è quella di non sbagliare mai nel seguire una pista, ma è quella di sapere fare tanti passi indietro di quanti se ne sono fatti in avanti quando ci si accorge di avere sbagliato strada”. Così il presidente di Marinagri Enzo Vitale, ha commentato la scelta di presentare “specifico ricorso contro il Governo Italiano alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo di Strasburgo”. Nei giorni scorsi, infatti, le società del Gruppo Marinagri hanno deciso di chiedere “che venga accertata la violazione delle norme convenzionali e relativi protocolli da parte del Governo Italiano e lo stesso venga condannato al risarcimento di tutti i danni patrimoniali e morali subiti”.

Presidente Vitale ci ricorda in cosa consiste il progetto Marinagri?

“Il progetto Marinagri, esteso su circa 350 ettari di territorio, è in avanzata fase di completamento sui territori di Policoro e Scanzano Jonico, lungo un tratto di costa di circa 3 Km di spiaggia incontaminata. L’intervento turistico, si compone di vari comparti, ad oggi sono già stati realizzati un porto turistico, un villaggio portuale con isole e penisole collegate da ponti, un villaggio lagunare, un albergo 5 stelle lusso (un altro albergo è in programmazione), numerose unità residenziali, impianti sportivi, parco ornitologico, orto botanico, servizi ed infrastrutture; il campo da golf è in fase di start up. Il comprensorio turistico è stato realizzato in ossequio a rigidi criteri di ecologia e compatibilità ambientale, prevedendo il riutilizzo totale delle acque reflue ai fini irrigui. Non è un caso che, per il secondo anno consecutivo, Marinagri ed il Marina di Policoro è stata insignita della Bandiera Blu”.

Fonte: 
La Nuova del Sud - http://www.nuovadelsud.it/primo-piano/primo-piano-news/cronaca/3307-marinagri,-imprenditori-metapontini-alla-corte-di-strasburgo-vittime-di-de-magistris.html
Go to top